“Prete in automobile”: episodio 4

Sono un po’ in ritardo con la pubblicazione in video dei miei spostamenti in auto tra un convento e una parrocchia del Sud Italia. Stavolta sono sull’autostrada Salerno – Reggio Calabria, nel punto esatto in cui è possibile vedere casa dei miei genitori che sorge timida e lunga sulla collina. Pensando alla famiglia, in pochi secondi mi sono guardato indietro, come quando istintivamente si controlla il traffico dallo specchietto retrovisore.

Ho ripensato a ciò che è stato di me dopo aver lasciato casa, avevo ventitré anni. Adesso ne ho quarantacinque. Ventidue anni passati in rassegna in trenta secondi: porte chiuse in faccia, tentavi falliti, successi, traguardi raggiunti, felicità incontenibile e sogni infranti. Guardare in alto invece è consolatorio, rassicurante. Ecco perché la disillusione, la vita che non si comprende, gli affetti (è scritto nel tweet postato insieme al video).

Read More…