La missione possibile su Facebook

L’attività principale dei passionisti è la Missione al Popolo. L’annuncio gioioso del Vangelo si svolge per due settimane in una parrocchia o in più parrocchie di una stessa diocesi. È richiesta dai parroci bisognosi di confermare i parrocchiani nella fede in Dio e di avvicinare i più lontani. I missionari coinvolti incontrano le famiglie, gli anziani e gli ammalati, i bambini e i giovani.

L’obiettivo di una missione è di facilitare o di ristabilire il rapporto tra Dio e i suoi figli. Qualche anno fa i religiosi più temerari andavano fuori le sagrestie per incontrare i giovani, ma le abitudini cambiano rapidamente. I giovani non abitano più la strada. I social media hanno cambiato la percezione dello spazio e del tempo. Le distanze oggi sono annullate e un dialogo si perpetua su un telefonino via chat, pur rimanendo chiusi in casa o muovendosi. Parlarsi faccia a faccia non è indispensabile. Basta andare su Facebook oppure usare Whatsapp o Viber o altre applicazioni per incontrarsi. La nuova piazza virtuale è autentica più di quanto possiamo immaginare. Lì i ragazzi stabiliscono veri rapporti di amicizia.

Read More…